Archiviato per novembre 2011
Affissione
chi la fa l’aspetti
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Due campagne francesi dedicate all’irrisolvibile problema del brutto rapporto che gli umani hanno con la natura e, più precisamente, con il bel mare blu che lambisce chilometri e chilometri di coste.
Come perfidi e miopi vicini sporcaccioni si ostinano (gli umani) a dimenticare che tutto ciò che si semina poi si raccoglie -tempesta compresa- e ogni giorno centinaia di migliaia di abusi continuano a essere perpetrati ai danni delle onde e dei loro abitanti. Ogni giorno tonnellate d’immondizia vengono scaricate a intorbidire le trasparenze cristalline senza mai ricevere in cambio sanzioni significative. Ogni giorno chi difende il mare perde la sua partita e chi vince continua ad ignorare il disastro che sta costruendo per tutti. Surfirider Foudation è una delle associazioni che s’impegna per mettere una pezza a questa situazione immutabile nei decenni e lo fa anche con una comunicazione molto secca e precisa che non ignora una forte componente estetica che attira per la sua “bella” forma.
Nell’ultima campagna affissione ci mostra le orribili malefatte umane nei confronti del mare e delle sue creature con uno stile narrativo che ha il gusto della favola e del racconto d’avventure in cui affascinanti illustrazioni cercano di imbellire lo scandalo visivo ottenendo, ad arte, l’effetto contario che butta nella cupezza del senso di colpa. Magari bastasse! Ma almeno è un tentativo.

Cliente: Surfrider Foudation
Agenzia: Young & Rubicam Paris, Boulogne-Billancourt
Art Director: Grégory Jeanjacquot
Copywriter: Nicolas Gérard
Direttore creativo: Les Six
Illustrator: John Paul Thurlow

In una campagna del 2009 la stessa fondazione aveva scelto un tono di voce più duro per coinvolgere gli autori dei misfatti con la presentazione delle conseguenze delle proprie inattenzioni nei confronti della natura. Due modi diversi per raggiungere lo stesso obiettivo. Quasi quasi mi piace di piuù questo che condanna e punisce… Forca e manette? Se solo il mare potesse diferdersi.

Cliente: Surfrider Foundation
Agenzia: Young & Rubicam, Paris
Art director: Bernard Lebas
Copywriter: Loic Froger


Advertising / Ilas Web Editor
Idee in rete
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Segnaliamo questo interessante video, perchè oltre l’effetto generale ci interessa scovare possibili embrioni di idee per stimolare il lavoro dei giovani creativi in erba. In questo caso, puntiamo lo sguardo su alcuni aspetti in particolare, che sono nell’ordine una relativa semplicità di realizzazione, come spot girato o addirittura come slideshow. La totale personalizzazione del messaggio, la totale personalizzazione dello stile. Insomma. Si può fare; il prossimo vostro spot potrebbe essere girato così, e per aiutarvi a capire, dopo il salto ecco una applicazione dello stesso concept

(continua…)


SEGNALAZIONI
Segnala una news sul blog ilas
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Ilas ti offre uno spazio per pubblicare news su concorsi d’arte, design, web, contest nazionali e internazionali, mostre, esposizioni ed eventi culturali, recensioni di libri, riviste, e articoli in rete, risorse per studenti di design o appassionati del settore. Partecipa alla creazione del Blog Ilas,  inviaci le tue segnalazioni alla mail segnalazioniblog@ilas.eu e noi daremo spazio alla tua notizia.


Advertising / Ilas Web Editor
Less is more
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Il Claim dice: “No matter what, we know how to protect.” Ovvero “Qualunque cosa sia, sappiamo come proteggerla”. Il visual non cerca stratagemmi, strani racconti da decifrare, ma semplicemente mostra la scatola, l’oggetto prezioso da proteggere, e il sistema (le rane, questo si un tantino originale) per proteggerlo. Segnaliamo questa pubblicità perchè vogliamo che si colga l’efficacia della semplicità, che non tradisce mai. in fondo, nonostante si voglia a tutti i costi sovvertire questa idea, la comunicazione pubblicitaria non è arte, ma solo pubblicità. Prosit.

The claim says: “No matter what, we Know how to protect.” There aren’t no special effects, but simply the box, the object to protect inside the box, and the way to do this. (Frog. Oh! this is very strange)We want to put your attention on the semplicity of this message. Simplicity never betray the advertising // Advertising Agency: BBDO, Taipei, Taiwan – Creative Directors: One Chang, George Liou – Art Director: Nick Tom


Advertising / Ilas Web Editor
La voce degli animali in pubblicità
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Su Adweek, una selezione di 9 campagne pubblicitarie che sono accomunate dal fatto di non avere in primo piano il rapporto uomo-animale, quanto l’animale in se, con le sue abitudini, i suoi atteggiamenti, i suoi comportamenti tipici.


Illustrazione / Ilas Web Editor
Facebook wall of shame
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Welcome back, infographic! Here a Facebook story. There’s something to Know about it. Presented by Wallstream

(continua…)


Web Design
Student spotlight
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Segnaliamo il lavoro di Immacolata Martucci, studentessa ilas, nella categoria grafica pubblicitaria – advertising

Spotlight on Immacolata Martucci, Ilas Student. Her work is in Graphic design – advertising category.


News / Ilas Web Editor
GLi otto caratteri peggiori del mondo
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Un interessante articolo sui caratteri, il loro uso, e una serie di elenchi per conoscere i font più usati, quelli più amati e quelli più odiati. Grazie a Till Neuburg per la segnalazione.


Fotografia pubblicitaria
Student Spotlight
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Segnaliamo il lavoro di Giovanni Musollini, studente ilas, nella categoria Fotografia pubblicitaria – Sala Posa.

Spotlight on Giovanni Musollini, Ilas Student. His work is in Photo – Fashion category.


Concorsi
Logo d’artista a Napoli
Fb
Fb
Fb
Tw
leggi il post »
0 commenti

Il Comune di Napoli cerca 10 giovani artisti di età compresa tra i 22 e i 35 anni, per realizzare 10 loghi d’artista identificativi della propria produzione. Gli artisti selezionati, in una fase successiva, saranno invitati ad esporre i loghi prodotti in  spazi istituzionali, significativi e/o promozionali per l’arte a Napoli. C’è tempo fino al 22 novembre.